Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

“Barcelona Desnuda” di Amaranta Sbardella

Data:

05/10/2018


“Barcelona Desnuda” di Amaranta Sbardella

Presentazione del libro “Barcelona Desnuda” di Amaranta Sbardella, il 5 ottobre 2018 presso l’Istituto Italiano di Cultura, alla presenza dell’autrice e con la partecipazioe di Joan Abelló.

Nella Barcellona dei nostri giorni, un giovane stagista bibliotecario si è chiuso a lavorare nel suo appartamentino malandato, nel multietnico quartiere Raval; deve catalogare libri sulle letterature contemporanee catalana e castigliana per conto della Biblioteca Centrale. All’improvviso le schede di alcune delle maggiori opere su Barcellona, alle quali stava lavorando da giorni, spariscono. I personaggi delle opere che sta catalogando non sopportano di essere imprigionati nelle sue asettiche e riduttive schede, così hanno deciso di impossessarsene e uscire in strada per, finalmente liberi, riappropriarsi della “loro” Barcellona. 10 racconti con protagonisti i personaggi di libri di autori catalani e spagnoli molto celebri: Petra Delicado, Clara Barcelò e Pepe Carvalho si aggirano per la città mostrandoci una Barcellona molto diversa dall’immagine stereotipata che ci danno gli itinerari turistici. Il libro non è solo una guida, ma un mosaico di stili e di opere narrative: ogni racconto infatti è scritto con lo stile del libro di provenienza cui appartiene e ogni capitolo è introdotto da un prologo che si ispira allo stile del Don Chisciotte.

Biografia - Amaranta Sbardella

Amaranta Sbardella affianca la ricerca letteraria all’attività di editing e di traduzione editoriale da castigliano e catalano per importanti case editrici. Ha vissuto a lungo in Spagna e in particolare a Barcellona. La traduzione dal catalano di Sotto l’attonita freddezza di questi occhi di Salvador Espriu ha vinto il premio del Departament de Cultura de la Generalitat de Catalunya. Nel 2016 vince una borsa di studio della prestigiosa Fundació Mercè Rodoreda. Ha tradotto, tra gli altri, La vita senza Sara Amat di Pep Puig, Marsilio 2017; Incerta gloria di Joan Sales, Nottetempo 2018; Il giglio di fuoco di Vic Echegoyen, Sonzogno 2017. Autrice di numerosi studi sulle riscritture dei miti greci e sulle letterature di ambito iberico ha recentemente pubblicato Il mostro e la fanciulla. Le riscritture di Arianna e del Minotauro nel Novecento, Quodlibet, 2017.

Informazioni

Data: Ven 5 Ott 2018

Orario: Alle 19:30

Organizzato da : IIC

Ingresso : Libero


Luogo:

IIC

1832