Aquest lloc web fa servir cookies per a proporcionar-vos una experiència millor. Continuant amb la navegació accepteu l'ús de cookies per la nostra part OK

Festival di arte urbana a Valencia - arte murale

Data:

26/09/2019


Festival di arte urbana a Valencia - arte murale

L’arte urbana murale è naturalmente parte imprescindibile di questo festival e per la sua espressione più diretta e visiva sono stati invitati gli artisti italiani Dado, Ericailcane, Cuoghi Corsello, che realizzeranno le proprie opere su tre grandi pareti di edifici del quartiere del Cabanyal.
Le contaminazioni grafiche e le tecniche personali utilizzate da ciascuno degli artisti italiani invitati, produrranno una nuova visione dei vecchi quartieri portuali che accolgono l’evento, non solo in senso strettamente decorativo, ma anche per le parole, il messaggio che ciascuno degli artisti deciderà di imprimere sul proprio muro.

Dado, alias Alessandro Ferri, è uno dei maggiori artisti italiani di writing, a cui si dedica dal 1985. Partito dai centri sociali bolognesi, ha lavorato a Parigi per La Tour Paris 13, una delle esposizioni più importanti di street art degli ultimi anni; ha esposto alla Biennale di Venezia e a quella di Nanjiing in Cina, ha maturato esperienze artistiche ad Amsterdam e a New York. Attualmente collabora con soggetti istituzionali e amministrazioni comunali, che hanno fatto della sua arte un antidoto al degrado degli spazi urbani, e tiene seminari all’Accademia di Belle Arti di Bologna. Nelle sue opere, è sempre presente una ricerca sistematica e formale per scoprire ed esaminare i fatti e stabilire il vincolo fra letteratura e arte. I suoi murales, così come le sculture e le tele, sono unici nel disegno e nella realizzazione.

Ericailcane
Ericailcane è un artista bellunese che si esprime con il disegno, l’illustrazione, il video, l’installazione, il graffiti e la street art. Conclusa l’Accademia di Belle Arti a Bologna, viaggia per il mondo disegnando, creando e colorando in angoli più o meno ricercati e nascosti. La sua arte murale si espande attraverso i continenti , oltre che in Italia, dove di recente, nella vecchia darsena di Ravenna, ha realizzato il mostro marino con colori stesi , non spruzzati, sui muri in mattoni di un vecchio mangimificio. Questa composizione, che rappresenta uno dei simboli di “Ravenna 2019” candidata a capitale europea della cultura, è solo una delle tante creazioni, fatte di bestie fantastiche e antropomorfe, che costituiscono l’essenza del suo immaginario e della sua arte, e che possono ammirarsi in Italia e nel mondo.
Ericailcane dà vita con precisione e cura a una serie di animali e personaggi da favola, che emulano il comportamento umano e, fra il grottesco e il surreale, esprimono critiche di tipo sociale o ecologico.

Monica Cuoghi & Claudio Corsello
Il duo collabora da oltre 30 anni e fin da subito ha preferito stabilire la propria esperienza di vita e lavoro in luoghi occupati e marginali rispetto al mainstream. Coerentemente con queste premesse le loro creazioni si sono diffuse in giro per città e luoghi pubblici, favorendo la dissoluzione delle barriere tra arte e vita quotidiana: personaggi dai nomi buffi come Pea Brain primo personaggio inventato dal duo, firma e simbolo dell’indipendenza creativa di Cuoghi e Corsello (la simpatica ochetta dalle “zampette che possono fare danni in fretta”, 1986); Petronilla (un organo femminile con la testa, 1993); Bello (il sorriso stilizzato, 1988); Suf (la bambina, 2001); Nonno Degrado (Un vecchio che gira con la sua “zanetta”, 2010) formano un mondo parallelo che invade quello della realtà metropolitana. Dalla street art degli inizi, lo stile man mano evolve, fino a coinvolgere moltissimi linguaggi e tecniche diverse. Tra le più importanti esposizioni personali e collettive cui hanno partecipato MACRO, Roma (2017- 2009); Museo Ettore Fico, Torino, (2017-2015); MAMbo, Bologna (2015); Fondazione del Monte, Bologna (2015); Elgiz Museum of Contemporary Art, Istambul (2008); Urban Planning Exibition Center, Shangai (2006); Creative Space Art Center, Beijing (2006); Galleria Civica di Arte Contemporanea, Trento (2001); Ente Fiera, Ancona (1993).

Informacions

Data: Des de Dij 26 Set 2019 fins a Diu 29 Set 2019

Organitzat per : IIC, EMT e Comune di Valencia

Entrada : Lliure


Lloc :

El Cabanyal (venue differenti)

1987